Sei un Dentista?

Scopri come essere visibile su questa e su altre directory

Cerca il Dentista
Dr. Antonio Scala

Dr. Antonio Scala

Via XX Settembre, 2/F - 25122 BRESCIA (Brescia)

Tel: 030 291495 

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Centro Odont. A. Giannini & C.

Centro Odont. A. Giannini & C.

P.zza Trento e Trieste, 15 - MONZA (Monza Brianza)

Tel: 039 382222 - 039 3908746 

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

Dr. Maurizio Cirulli

Dr. Maurizio Cirulli

Viale Oriani, 4 - 40137 BOLOGNA (Bologna)

Tel: 051 302820  

Consento il trattamento dati Legge n. 196/03.*

BRUXISMO: sintomi, cause e terapie

bruxismo

Bruxismo è un termine greco, che tradotto nell’italiano corrente significa “digrignare i denti”

La parola bruxismo definisce una particolare patologia, che va a ledere alcune parti che compongono il cavo orale, più in specifico i denti. E’ una tra le più particolari patologie dei denti, e si ha quando il soggetto tende a sfregare gli elementi dentali tra di loro, attraverso appunto il digrignamento.

Ciò accade in situazioni come il sonno, durante il quale il malato non si accorge assolutamente di questo digrignamento. Qui sta tutta la pericolosità del bruxismo. La sensazione di dolore e la stanchezza dei muscoli facciali al mattino può far intuire qualche stranezza, ma spesso il paziente non riconduce subito questi sintomi alle particolari ed inconsce attività notturne. Ecco perché spesso lo stadio della malattia avanza indisturbata, finché il malato non decide di recarsi da un medico. Questi può accorgersi subito del particolare danno allo smalto dentale, e consigliare quindi al paziente una visita dall’Odontoiatra.

Da cosa nasce l’atto di digrignare i denti propria del bruxismo?
Quali sono le sue cause e le sue conseguenze?

Il digrignare i denti viene oggi considerato all’unanimità una para-funzione, ovvero una funzione del nostro organismo che non ha reale finalità. E’ una sorta di contrazione dei muscoli atti alla masticazione. Solitamente la contrazione ha una durata dai cinque ai dieci secondi, e viene ripetuta più di una volta durante il sonno. Per quanto riguarda le cause il dibattito è aperto: innanzitutto si è notata una predisposizione familiare per questo avvenimento. Si parla inoltre di malformazioni mandibolari che portano problemi di mal occlusione dentale. Non si esclude poi una certa interferenza psicologica, soprattutto in casi di stress, aggressività o tensione emotiva nel paziente.

L’atto di digrignare i denti in modo frequente, porta conseguenze molto gravi agli elementi dentali. Innanzitutto scheggiature, che possono col tempo rappresentare un luogo di attecchimento e sviluppo di batteri. Poi l’alterazione della forma degli stessi. Lo smalto può venire usurato in modo molto grave, fino alla sua definitiva scomparsa: a quel punto, lo strato interno della dentina, può divenire insolitamente visibile. Se non diagnosticato in tempi brevi, l’usura può aggredire anche la dentina.

A lungo termini non è impensabile assistere alla distruzione completa del dente per via delle fratture profonde. Può aumentare la sensibilità di denti e gengive esposte al calore o al freddo. Altra conseguenza è la crescita del dolore durante l’apertura e la chiusura della bocca, dolore che può sfociare in cefalee o nella disarticolazione completa di mascella e mandibola.

In che modo scongiurare gli effetti nocivi del bruxismo?

In realtà non esistono approcci terapici veri e proprio a questa particolare malattia. Non ci sono quindi medicinali da assumere o interventi da fare.

La moderna Scienza Odontoiatrica è riuscita a dare comunque una risposta reale al problema. Si tratta dei Byte, sorta di paradenti da applicare durante le ore notturne. I byte possono essere molli o rigidi, dipendentemente dal livello di usura dei denti del paziente. Sono un modo sicuro per evitare fratture e scheggiature dello smalto, poiché i denti non si trovano più a stretto contatto. Ogni byte viene fabbricato nei laboratori odontotecnici partendo dalle impronte dentali del paziente, precedentemente fatte dal dentista. Ciò vuol dire che ogni byte è realizzato “su misura”, creato e sviluppato a seconda della morfologia del cavo orale del malato. La moderna tecnologia ha contribuito a migliorare la fabbricazione di byte pressoché perfetti, in grado di risolvere il problema legato allo sfregamento dei denti.

Bisogna aggiungere che negli ultimi anni proprio la tecnologia ha permesso gli enormi passi avanti fatti dall’Odontoiatria in generale. Si pensi alle nuove tecniche sedative, come per esempio la sedazione cosciente, che anestetizza il malato lasciandolo comunque abbastanza sveglio da collaborare con il dentista nella buona riuscita dell’intervento; si pensi alla Implantologia computer assistita, che permette di effettuare interventi di applicazione di protesi in modo preciso e durevole. Proprio l’uso dei moderni software ha contribuito alla creazione dei moderni byte. Il medico infatti, attraverso l’uso di immagini scannerizzate del cavo orale del paziente, può verificare da vicino l’entità del danno e la forma degli elementi dentali. E’ in grado di lavorare le immagini, e decidere la struttura più efficace che dovrà assumere il byte da costruire. Dopodiché le informazioni vengono inviate ai laboratori odontotecnici.

Un notevole passo avanti dunque, sia a livello diagnostico che prettamente operativo. I nuovi byte, oltre ad impedire il digrignamento, sono in grado di ripristinare il corretto allineamento delle arcate dentali. Il problema del bruxismo è un problema molto particolare. Immaginiamo un malanno “inconscio” non avvertito dal paziente, se non solo nei sintomi dolorosi al mattino.

Come è possibile diagnosticarlo senza l’aiuto di un medico?

Il paziente, finché non si sottopone ad una tradizionale visita, non può sapere di soffrire di questa particolare malattia. L’unico aiuto possibile può arrivare da partner, coinquilini e conviventi, che si accorgono dello strano rumore prodotto dallo sfregamento dei denti durante le ore notturne.

Solo loro possono avvertire il malcapitato della situazione, che a quale punto può iniziare a pensare ad una cura. Pensiamo ai pazienti che hanno subito qualche intervento ai denti, magari l’inserimento di una protesi o la cura di un elemento dentale da carie ecc ecc. per loro potrebbe essere due volte più dannoso il digrignamento dei denti, poiché andrebbe a rovinare l’esito di un intervento magari ben riuscito. Il fenomeno dello sfregamento dei denti in situazioni inconsce come quelle prodotte dal sonno, è purtroppo molto più frequente di quanto si possa pensare. Si stima che circa il 20% della popolazione mondiale soffra di questo particolare disturbo notturno. Consigliamo a chiunque al risveglio avverta dei dolori alla bocca, di consultare subito il proprio dentista di fiducia, onde evitare un possibile peggioramento della situazione.

Oltre alle tradizionali visite mediche, si possono consultare i moderni siti e portali Web dedicati alle attività mediche italiane. Di nuovo la tecnologia che ci viene in aiuto!

Grazie a questi siti infatti si ha la possibilità di entrare in contatto con i medici della propria città, informandosi sulle varie patologie grazie agli articoli medici presenti, o ponendo domande dirette tramite i Form che permettono di inviare e-mail in tempo reale. Le risposte esaustive con i consigli giusti verranno recapitate nel minor tempo possibile. Un modo rapido dunque per entrare in contatto con gli esperti della materia, pronti a rispondere a qualsiasi tipo di domanda e perplessità. Esempio di questi nuovi mezzi tecnologici è il portale www.dentisti-italia.it, che si avvale della collaborazione di esperti medici, pubblicizzandone l’attività svolta all’interno dei loro studi professionali.

Inoltre, per chi vive a Roma, segnaliamo un sito dove trovare studi dentistici che operano nella Capitale, a cui è possibile rivolgersi per problemi di bruxismo: www.dentista-roma.eu/bruxismo_roma.html.

Valid XHTML 1.0 Transitional   CSS Valido!

Sei un Dentista? Per la tua pubblicità Clicca Qui

Questo sito fa uso di cookie. Per saperne di più leggi l'informativa

OK