Sei un Dentista?

Scopri come essere visibile su questa e su altre directory

Cerca il Dentista

Gnatologia: il segreto per la corretta postura dei denti

gnatologia e denti

Il corpo umano può essere paragonato ad una macchina, per questo anche dei piccoli cambiamenti possono creare degli scompensi: basta, ad esempio, un piccolo disallineamento dentale per crearci grossi problemi.

In pochi conoscono lo gnatologo, ma questo professionista si occupa del nostro benessere tanto quanto i più “famosi” ortopedici o cardiologi.

Di che cosa si occupa? Di studiare fisiologia, funzioni ed eventuali patologie della mandibola ed i suoi rapporti con problematiche di tipo posturale.

L’equilibrio del corpo umano è qualcosa di molto delicato e basta pochissimo per andarlo a minare.

I denti hanno una funzione molto importante rispetto alla postura ed in modo particolare se esistono problemi di occlusione.

Postura e masticazione: quale rapporto

Il legame con la mandibola può far sopraggiungere tensioni dell'articolazione provocate da qualche problema del cavo orale: su tutti la difficoltà o l'impossibilità di chiudere in modo corretto la bocca. Si parla allora di mal occlusione delle arcate antagoniste.

Come è possibile che le arcate non riescano a chiudere il morso?

La prima cosa da verificare se abbiamo dei problemi di mal di schiena o cervicale è l’esistenza di problematiche dal un punto di vista muscolare. Anche in questo caso però non possiamo pensare solo ai muscoli della schiena o del collo, perché anche la posizione della mandibola gioca un ruolo determinante o per esattezza l’articolazione temporo-mandibolare.

Ci sono infatti dei muscoli che partono dal cranio e arrivano alla mandibola e servono per attivare la masticazione. Il cranio a sua volta è poggiato alla colonna vertebrale e collegato alla schiena da legamenti e muscoli.

Basta quindi che ci sia un problema muscolare in uno qualsiasi di questi sistemi per andare a riflettersi sull’altro.

Se il sistema muscolare non presenta problematiche, allora quale può essere la causa?

L’occlusione! Se le arcate dentali inferiori e superiori non combaciano perfettamente, i muscoli mandibolari sono costretti a lavorare non alla loro lunghezza ma ad accorciarsi o ad allungarsi: nel primo caso debbono contrarsi nel secondo lavorare troppo al di fuori dei normali range utilizzati in masticazione.

Necessariamente si modificano dunque i rapporti tra mandibola a cranio e, a scendere, quelli tra il cranio e la colonna vertebrale, parliamo infatti di problemi articolari “discendenti “

Problematiche dentali che influenzano la postura

Se l’articolazione temporo-mandibolare funziona male per una scorretta occlusione, quello che accade è che al cervello arrivano impulsi sbagliati, che creano problemi continui.
Quali possono essere le problematiche dentali più comuni da questo punto di vista?

  1. Pre contatto cioè una differenza di lunghezza tra i denti; in questo caso quando si chiude la bocca per masticare, i muscoli agiscono in maniera asimmetrica. Dalla parte dei denti più corti, il condilo della mandibola dovrà posizionarsi in maniera diversa e così anche la mandibola dovrà adattarsi creando situazioni di dolore all’orecchio, alla testa ed all’articolazione temporo-mandibolare. Saranno coinvolti anche gli apparati muscolari, a partire da quello del collo
  2. Eccessivo spazio tra i denti; se i muscoli masticatori sono rilassati, dovremmo avere circa 2 mm di spazio tra l’arcata dentaria superiore e quella inferiore. Se questo spazio è maggiore, allora i muscoli masticatori sono costretti a stare perennemente in tensione e cosa accade? Che il sistema muscolare ed in particolare i muscoli della parte anteriore della colonna cervicale spostano l’intero capo in avanti, modificando anche il baricentro e creando problemi di equilibrio
  3. Poco spazio tra i denti; accadrà l’esatto contrario del caso precedente, con i muscoli che porteranno indietro la testa per distanziare le arcate dentali. Anche in questo caso si arriverà ad un’alterazione posturale e si potrebbero verificare anche casi di cafalea.

Cosa fare se si hanno problemi di malocclusione?

L’approccio più corretto è senza dubbio quello di agire in modo combinato, associando degli esercizi posturali alla risoluzione della problematica dentale che da il via a tutti i problemi.
Per rimettere in asse le arcate dentali sarà necessario rivolgersi dunque al dentista ed in modo particolare trovare soluzioni ortodontiche corrette.

Negli ultimi anni si è molto lavorato andando a migliorare l’approccio dell’ortodonzia che ha elaborato soluzioni anche più estetiche.
Come affermato dalla Dr.ssa Paola Falchetti dello Studio Dentistico Roma San Giovanni, ad oggi la migliore soluzione che coniuga perfettamente benessere ed estetica è l’invisalign, un apparecchio completamente trasparente che si va ad applicare sui denti e che lavora per riallinearli.
Tra i vantaggi maggiori dell’Invisalign, tecnologia studiata negli Stati Uniti, c’è la possibilità di creare un percorso terapeutico assolutamente personalizzato e quello di poter essere in buona parte autonomi: partendo dalla situazione iniziale, il dentista autorizzato ad operare con invisalign metterà a disposizione del cliente una serie di mascherine che andranno cambiate man mano che i denti vanno ad allinearsi correttamente e questa operazione potrà essere fatta in assoluta autonomia.
Per quanto riguarda i tempi di risoluzione del problema, non è possibile dare un arco temporale uguale per tutti, anche perché dipende dalla situazione iniziale del paziente, ovvero dalla gravità della malocclusione che presenta, la quale determinerà il numero di mascherine necessarie per ottenere il risultato desiderato.

L’approccio più corretto è senza dubbio quello di agire in modo combinato, associando degli esercizi posturali alla risoluzione della problematica dentale che da il via a tutti i problemi.

Per rimettere in asse le arcate dentali sarà necessario rivolgersi dunque al dentista ed in modo particolare trovare soluzioni ortodontiche corrette.

Negli ultimi anni si è molto lavorato andando a migliorare l’approccio dell’ortodonzia che ha elaborato soluzioni anche più estetiche.

Come affermato dalla Dr.ssa Paola Falchetti dello Studio Dentistico Roma San Giovanni, ad oggi la migliore soluzione che coniuga perfettamente benessere ed estetica è l’invisalign, un apparecchio completamente trasparente che si va ad applicare sui denti e che lavora per riallinearli.

Tra i vantaggi maggiori dell’Invisalign, tecnologia studiata negli Stati Uniti, c’è la possibilità di creare un percorso terapeutico assolutamente personalizzato e quello di poter essere in buona parte autonomi: partendo dalla situazione iniziale, il dentista autorizzato ad operare con invisalign metterà a disposizione del cliente una serie di mascherine che andranno cambiate man mano che i denti vanno ad allinearsi correttamente e questa operazione potrà essere fatta in assoluta autonomia.

Per quanto riguarda i tempi di risoluzione del problema, non è possibile dare un arco temporale uguale per tutti, anche perché dipende dalla situazione iniziale del paziente, ovvero dalla gravità della malocclusione che presenta, la quale determinerà il numero di mascherine necessarie per ottenere il risultato desiderato.

Valid XHTML 1.0 Transitional   CSS Valido!

Sei un Dentista? Per la tua pubblicità Clicca Qui

Questo sito fa uso di cookie. Per saperne di più leggi l'informativa

OK